lo stage a Grenoble: origini del progetto

Grenoble-20140322-00525 (1)Dal 20 al 22 marzo 2014 a Grenoble tredici persone parteciparono a un “laboratorio storico-teatrale per attori di creazione pubblica”. Erano Lucrezia Filippini, Anna Cosma, Viola Venturini, Delphine Chiocci, Marco Gavioli, Giovanni Selmo, Francesco Bonelli, Lavinia Cecora, Marco Maffioletti, Andrea Ghirarduzzi, Cristina De Girolamo, Francesca Larici, Triscia Biagiotti: tutti, in modi diversi (studenti, dottorandi, ricercatori), gravitavano intorno all’ambiente dell’Université Stendhal-Grenoble 3. Oltre che in uno spazio dell’università stessa (sala Cartier), il lavoro avvenne in un locale del centro città (Troisième Bureau) e presso il COMAMICI – Comité Dante Alighieri de Grenoble.

Ai partecipanti al laboratorio si offriva una formazione storica e teatrale, abbinate e simbiotiche, per consentire loro di trasmettere ad altri una conoscenza acquisita; si proponeva la possibilità non solo di «conoscere le cose» – per usare le parole di Vittorio Foa – ma anche «il modo di raccontarle». Le tredici persone provarono per tre giorni, in spazi aperti al pubblico, a narrare a loro volta quanto apprendevano dallo storico riguardo al periodo della storia italiana fra il 1970 e il 1984. Ciascuno cercando – insieme all’attore – i modi migliori per utilizzare mente, corpo e voce, comunicava a suo modo ad altri cittadini quanto sapeva di quel periodo, approfondendone aspetti particolari, storie piccole e grandi; anche tramite l’utilizzo di brani della letteratura, canzoni, articoli, suggestioni cinematografiche, che venivano proposti insieme alla lezione-narrazione dello storico.

I conduttori di quel laboratorio erano uno storico (docente dell’Université Stendhal)  e un attore: Leonardo Casalino e Marco Gobetti, gli autori del volume Raccontare la Repubblica | Storia italiana dal 1945 ad oggi: sette testi da interpretare a voce. L’incontro e la sperimentazione con quelle tredici persone furono fondamentali per la nascita del libro stesso e del laboratorio di cui è strumento; dal libro nasce anche  lo spettacolo Carlo, Ettore,Maria e la Repubblica.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...